RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO E SENZA IMPEGNO

Come liberarsi da topi e ratti in casa, in giardino o in cantina

Consigli pratici per evitare un’infestazione di roditori negli ambienti domestici e di lavoro

Che si annidino in cantina, si nascondano nel sottotetto o prolifichino in giardino o in un magazzino, i roditori – almeno quelli delle tre specie più diffuse: il topo domestico e il ratto(sia quello nero che il rattus norvegicus, noto anche come ratto delle fogne o pantegana) – possono rappresentare un rischio reale per la salute delle persone e causare seri danni agli edifici, ai cavi degli impianti elettrici di un palazzo, alle strutture lignee di una casa di campagna, ai mobili di un appartamento, al cibo conservato in dispense, alle derrate stipate in granai e silos.

Come riconoscerli e come evitare un’infestazione

La vista di uno o più topi in un ambiente chiuso provoca, spesso, ribrezzo e paura. Sia per lemalattie da loro trasmesse (salmonella, peste, colera, tifo e leptospirosi), sia per l’imbarazzo che provocano nelle persone colpite da una loro invasione. Rumori, segni di graffi su mobili, pareti, il ritrovamento di escrementi e un odore acre, la presenza di sacchi e cartoni rosicchiati: sono i segnali tipici che la cantina o il tetto di casa sono infestati da ratti e topi.

Consigli pratici anti topo e anti ratto

Il buon senso e i classici “rimedi della nonna” sono utili a tenere lontani i roditori. Per esempio: è meglio tenere l’ambiente pulito, il cibo conservato in contenitori ermetici e la spazzatura in un bidone sigillato, esterno alla casa. Oppure si può coltivare in giardino e sul balcone, nei pressi delle entrate, piantine di menta il cui odore è un repellente naturale per i roditori. Naturalmente, anche la presenza di un gatto aiuta, specialmente posizionando la sua lettiera vicino alle porte. Ma siccome, solitamente, i topi si introducono attraverso piccoli fori nei muri in corrispondenza delle tubature, il metodo migliore è quello di chiudergli le vie d’accesso, anche con le classiche spugnette da cucina(quelle usate per pulire i piatti), o toppando i buchi con lana d’acciaio e, nel caso di una casa di campagna, coprendo il foro con un impasto di paglia e gesso.

I servizi per una derattizzazione definitiva

Ma siccome topi e ratti sono tra i mammiferi più precoci e prolifici e sanno adattarsi facilmente a tutti i tipi di ambiente, per eliminare definitivamente i roditori e prevenire un’eventuale infestazione, Faster offre, oltre alle classiche esche per topi e quelle con ultrasuoni, come parte del suo servizio contro i roditori:

  • sopralluogo tempestivo da parte di tecnici esperti e appositamente formati;

  • monitoraggio periodico;

  • soluzioni innovative ed ecologiche: un dispositivo all’avanguardia per un servizio sicuro e risolutivo.

Deratizzazione topi e roditori

Per i roditori la norma generale prevede l’individuazione delle zone di passaggio o stazionamento degli animali attraverso l’utilizzo di 4 parametri di riferimento:

  1. la presenza di deiezioni, dalle quali tra l’altro è anche possibile riconoscere la specie di roditore in base alle dimensioni, forma e colore;

  2. la presenza di oggetti morsicati (barattoli, cavi elettrici, cartoni, ecc.). Anche dai segni dei denti si può individuare la specie murina;

  3. la presenza delle impronte delle zampe dove il percorso è polveroso, altrimenti si possono disporre polveri traccianti atossiche;

  4. la presenza di tane se vi sono campi nelle zone circostanti.

Si procede tracciando il progetto per il monitoraggio dei passaggi sulla piantina del luogo, quindi con la scelta del rodenticida più opportuno. Il passo successivo è il posizionamento di bait-box e la codifica dei punti esca sulla planimetria. Infine la stesura di un calendario di manutenzione e controllo.

Controllo dei roditori

Una derattizzazione efficace inizia con la prevenzione. Tutti i possibili punti di ingresso, come ad esempio fognature e prese d’aria, devono essere sigillate. I ratti possono entrare attraverso fori piccoli come una moneta da 1€ quindi, anche i fori molto piccoli devono essere sigillati. I ratti spesso entrano nelle case arrampicandosi sugli alberi e attraverso vetri rotti o prese d’aria. Per far fronte a una popolazione di ratti, è necessario identificare ed eliminare ciò di cui si nutrono, ciò che bevono e i luoghi dove si nascondono. Il cibo per animali è un incentivo per i roditori e deve essere conservato in contenitori ben sigillati. Anche gli alimenti devono essere conservati allo stesso modo. L’acqua stagnante o le fonti di umidità dovrebbero essere prese in considerazione. Il cestino dei rifiuti dovrebbe essere smaltito correttamente e devono essere osservate le condizioni igienico-sanitarie. Cataste di legna e altri luoghi di rifugio per roditori come le erbacce incolte, dovrebbero essere eliminate. Diverse trappole per topi e molti rodenticidi sono disponibili in commercio. Tuttavia, poiché i ratti tendono ad evitare gli oggetti non familiari, spesso è necessario ricorrere ai servizi di un professionista della disinfestazione per controllare una popolazione di ratti.

Repellenti per topi

Sono disponibili in commercio repellenti per roditori, ma la loro efficacia è discutibile. Dispositivi sonici ed ultrasonici sono spesso considerati  del tutto inefficaci o non sono pratici. Per secoli, le persone hanno cercato di trovare il modo per respingere o sviluppare una trappola “magica” che eliminerà i ratti. Gli esseri umani ne sono ancora alla ricerca. Ci sono due tipi principali di ratti parassiti in Italia, il ratto norvegese e il ratto dei tetti. I ratti dei tetti sono arrampicatori e sono conosciuti anche come “ratti delle navi”. Originario del Sud Est asiatico, questi ratti scalatori sono probabilmente giunti prima in Europa per poi far rotta sulle navi verso il Nord America. Questi ratti sono cauti e quando non sono in movimento restano nascosti. Questo determina una barriera biologica allo sviluppo di un repellente efficace.  Il ratto di maggior successo in Italia è il ratto norvegese. Questo ratto, noto anche come topo di fogna, si è diffuso in tutta la maggior parte dell’Europa. Questi ratti non sono così bravi a scalare come i loro cugini ratti dei tetti. Al piano terra, vi è di solito abbondante cibo e rifugi, o luoghi in cui vivere. Nel corso degli anni, le persone hanno provato spray, repellenti olfattivi, cibi repellenti e anche predatori. Tuttavia, l’olfatto dei topi è eccellente, e sembrano essere in grado di distinguere tra cibo e repellenti. Raramente sono scoraggiati da qualsiasi tipo di repellenti a meno che siano barriere fisiche. Non vi è alcun sostituto a porte chiuse e finestre per respingere o tenere i ratti fisicamente fuori dalle abitazioni.

Mangiatoie

L’efficacia di qualsiasi esca per ratti dipende dall’ambiente e dalle abitudini del ratto in questione. I ratti tendono ad evitare nuovi oggetti, così le trappole richiedono un certo tempo per essere efficaci. Le trappole possono essere rese più efficaci se viene usato un attrattivo, chiamato esca. Poiché i topi sono spazzini, il più efficace attrattivo per un ratto è il cibo. Frutta e verdura sono molto attraenti per i ratti dei tetti. Carne e pesce sono più attraenti per i ratti norvegesi. Tuttavia, è meglio utilizzare esche alimentari che non sono suscettibili di decomporsi in luoghi irraggiungibili. Il burro di arachidi non deve essere utilizzato da chi è allergico alle noccioline. Un’altro possibile attrattivo possono essere i  materiali usati per costruire il nido, come pezzi di corda, filati o addirittura batuffoli di cotone. Le esche rodenticide sono progettate per uccidere i roditori, piuttosto che per catturarli. Queste esche possono essere dannose per l’uomo, la casa gli animali domestici e la fauna selvatica, se ingerite. Sono  disponibili in commercio mangiatoie caricate con esche avvelenate progettate per evitare che bambini e animali domestici possano accedere a queste esche. Tuttavia, si raccomanda di consultare un disinfestatore professionista prima di usare qualsiasi esca in una casa. E’ necessaria una corretta identificazione dei parassiti prima di effettuare il metodo di eradicazione dei parassiti, poiché misure diverse sono efficaci per specie diverse.

Trappole per topi

Diverse trappole sono disponibili in commercio, per uso domestico, per il controllo dei parassiti. Sono popolari trappole collanti che catturano il roditore intrappolandolo con un adesivo appiccicoso. Incapace di muoversi, il roditore spesso muore di ipotermia. Le trappole collanti sono spesso collocate lungo le vie che i roditori percorrono più frequentemente. Queste possono essere identificate dai marchi di grasso depositato sulle superfici contro le quali strisciano, come i battiscopa e altri bordi. Molteplici trappole collanti possono avere bisogno di essere messi insieme per aumentare la loro efficacia. Infatti i ratti sono capaci di saltare e possono liberarsi della prima trappola collante. Degli attrattivi possono essere posizionati sulle trappole collanti per meglio attirare i topi. Questi possono comprendere prodotti a base alimentare o necessari alla nidificazione. Materiali oleosi o grassi non devono essere utilizzati in quanto filtrano sulla colla e la rendono liscia.  Le classiche trappole a scatto sono progettate per catturare e uccidere i ratti. Queste trappole hanno una barra, o mascella, che si chiude molto velocemente ed uccide il roditore. Il posizionamento delle trappole a mascella è simile a quello delle trappole collanti, nel senso che di solito sono collocate lungo gli itinerari dei ratti. I ratti evitano nuovi oggetti così, come con le trappole collanti, queste trappole possono richiedere un qualche tipo di attrattivo alimentare per interessare il ratto. A causa della loro diffidenza, i ratti possono evitare tutti questi strumenti di cattura inizialmente, rendendoli inutilizzabili. Se il roditore ha una brutta esperienza con uno di questi dispositivi, li eviterà in futuro. Le trappole spesso richiedono grande sforzo e accortezza nel trattamento di una infestazione. Una trappola impropriamente collocata non funziona e può anche rappresentare un rischio per le persone e gli  animali domestici. Se la trappola funziona, si dovrà smaltire il topo morto, il che è spesso un compito sgradevole.

Deterrenti naturali

L’olio di menta piperita è detto scoraggi i topi ad entrare nelle zone trattate. A concentrazioni elevate, l’olio di menta piperita può presentare qualche repellenza. Spesso, la sfida con l’utilizzo degli oli essenziali come repellenti, perché siano efficaci, è mantenere concentrazioni così elevate da essere irrealistico o sgradevole per il proprietario di casa a causa dell’odore. Una volta che l’odore diventa accettabile alla persona, non respinge più i roditori. In secondo luogo, un roditore determinato non si lascia scoraggiare dall’odore. Il miglior deterrente naturale per  i ratti è la pulizia. Gli avanzi di cibo sono molto attraenti per i ratti e i depositi di immondizia sono spesso infestati. Mantenere la spazzatura sigillata ermeticamente e assicurarsi che briciole di cibo o residui non siano disponibili in tutta la casa può prevenire le infestazioni di ratto. Sebbene i deterrenti possono impedire un’infestazione di ratti, lo sradicamento richiede un trattamento.